Giochiamo a crescere: gli indovinelli di una volta per un futuro fuori

il gioco della crescita

Vi siete mai chiesti se manca un professore a scuola cosa accade? Anche alla scuola Fior di Loto, viene sostituito alla grande!

In questi giorni ci sono un paio di professori assenti e Mona, la Preside, li sostituisce. Insegna in classe oppure rende la lezione ancora più divertente facendo fare dei giochi istruttivi alle bimbe. Uno di questi, che facevo anch’ io quando ero piccola, è quello di far scrivere sulla schiena di una compagna una parola con un dito, e quest’ultima deve indovinarla. Se la risposta è sbagliata, viene eliminata altrimenti continua lei il gioco. Che gioia vedere le bimbe attente e divertite allo stesso tempo; Composte, ben vestite, con le loro divise e i capelli perfettamente raccolti.

Meraviglioso inoltre notare come Mona insegni con grande amore, come se tutte fossero sue figlie.
L’educazione è comunque oltre i banchi di scuola. È saper stare nel gruppo, saper condividere e rispettare il prossimo anche nelle cose più semplici.
Le bimbe piccole, inoltre, mi lasciano sempre senza parole per come sono indipendenti anche a soli 4 anni. Le ho osservate, ad esempio, mentre mangiavano. Con grande garbo raccoglievano il cibo con le mani dalla loro gavetta, al termine del pasto la richiudevano e andavano a riporla nella classe come fossero piccole donne. Poi si dedicavano al gioco prima della fine della pausa pranzo.
La parola del giorno per me è “crescita”. Si cresce sapendo che fuori da quelle mura dove si è protetti, in questo caso per le bimbe è la scuola stessa, c’è il mondo che ti aspetta e senza paura si affronta a qualsiasi età.

Prima l’educazione del cuore, poi l’educazione della mente.
Cit. Bruno Misefari

il gioco della crescita

 

Have you ever wondered if there is no teacher at school what happens? Also at Fior di Loto School, he is replaced greatly! These days there are a couple of absents among teachers, and Mona, the principal, is replacing them. She teaches in the classroom, or makes the lesson more fun doing some educational games with the girls. One of this game which I also used to play when I was a kid, it is to write on a companion’s back a word with a finger, the friend herself must guess. If giving the wrong answer, she is out of the game, otherwise she continues the game. Great joy to see the girls concentrated and amused at the same time. Composed, beautifully dressed in their uniforms, and with a perfect hairdo.
So wonderful noticing how Mona teaches with great love as if they were all her daughters.
Education is anyway beyond the classroom. Knowing how to stay in the group, share and know how to respect others even in the simplest things.
The smallest girls always leave me speechless as they are also independent just at the age of 4. I have observed, for example, while they were eating. With great grace they gathered their food with their hands from their mess tins, at the end of the meal, how they close them off and put them back in the class, as little women would do. Then they dedicated themselves to some games before the end of the lunch break.
The word of the day for me is “growing”. You grow knowing that outside those walls where you feel protected, in this case for the girls is the school itself, there is the world that waits for you and fearless you can face it at any age.

Before the education of the heart, then the education of the mind.
Cit. Bruno Misefari

il gioco della crescita

Share

Presidente - Insegnante di Hatha Yoga