In scena il primo “Amnesty International Human Rights Film Festival” con la partecipazione di AFLIN

In scena il primo “Amnesty International Human Rights Film Festival” con la partecipazione di AFLIN
Da

Dal 23 marzo al 18 maggio è stata organizzata la prima rassegna cinematografica sui diritti umani a cura del gruppo “Amnesty International Roma Centro”, presso il cineclub Detour capitolino.

Le proiezioni, in lingua originale e con i sottotitoli italiani, riguardano documentari vincitori di numerosi premi nei maggiori festival mondiali con temi inerenti a diverse problematiche sociali di 5 Paesi, tra cui l’India.

Il 6 aprile, con il titolo “Where to, Miss?” di Manuela Bastian, è andata in scena la storia di una tassista indiana e del suo continuo conflitto tra il desiderio di emanciparsi e le tradizioni indiane. Diventare conducente di taxi è il sogno più grande di Devki: vuole che le donne indiane possano tornare alle proprie abitazioni sane e salve e diventino economicamente indipendenti. Per raggiungere questo obiettivo, dovrà affrontare l’opposizione prima del padre, poi del marito, infine del suocero. La storia della giovane e coraggiosa Devki (figlia, moglie, madre) racconta assai bene perché è così difficile per le donne indiane liberarsi dai loro ruoli prestabiliti. Amnesty International ha richiesto la partecipazione della Presidente di AFLIN, Emanuela Sabbatini, per commentare il film dopo la proiezione e raccontare come si vive combattendo da donna per i diritti umani in India.

“L’istruzione e la formazione al lavoro rende libere le donne che hanno la volontà e il coraggio di ribellarsi a quanto imposto loro e a desiderare così una vita diversa da quella predestinata e non scelta”.

Con questo monito la Presidente Emanuela Sabbatini ha chiuso la serata. Appuntamento per AFLIN al prossimo anno con gli amici di Amnesty International Human Rights.

Share

Articoli consigliati